Sempre con noi

I VOLONTARI DEL SASU DEL PERUGIA:  IL LORO ONORE NELLA NOSTRA MEMORIA

Gli uomini del SASU si impegnano ogni giorno per salvare vite umane e per diffondere la cultura della montagna e della speleologia. In questa pagina un omaggio sentito per i volontari che non ci sono più ma che con il loro esempio hanno portato un aiuto concreto a tante persone in pericolo.

Galli Mirco (29/11/2007)

Nato a Perugia, aveva incontrato la speleologia molto presto, quando frequentava la facoltà di geologia, ed ha proseguito con la sua passione fino al triste giorno in cui, troppo presto, ci ha lasciato, vittima di un male che in pochi giorni se lo è rubato. Istruttore Nazionale di Speleologia, è stato a lungo responsabile del Catasto Speleologico dell’Umbria, lavorando intensamente anche con la Regione Umbria per farlo crescere. Geologo affermato e stimato e socio trascinatore del Gruppo Speleologico CAI Perugia ha notevolmente contribuito alle attività esplorative, scientifiche e culturali. Molto conosciuto in Umbria, ma anche fuori regione e negli ambienti speleologici nazionali. È stato per molti anni tecnico insostituibile del Soccorso Alpino e Speleologico Umbria.

Parasecolo Cristiano (21/12/2012)

Avvicinatosi alla speleologia nel 1995 è subito diventato un convinto fautore dell’unione tra gruppi speleologici italiani nell’ambito dell’esplorazione. Tra i protagonisti delle nuove, importanti scoperte nella grotta di Monte Cucco, era anche Istruttore Regionale del Soccorso Speleologico, buon arrampicatore, ottimo forrista, uno dei migliori speleologi di tutta l’Umbria, colonna portante del SASU, solare ed altruista, ma sopra ogni cosa un grande, grande amico di tutti. Incarnava il vero spirito di speleologo, sempre pronto a fare baldoria con chiunque, disponibile in ogni occasione. Un cuore tenero, un sorriso caldo e accogliente, una mano sempre tesa verso l’altro.
Per supportare il SASU, consulta la pagina “Sostenitori”
Share by: